Commissioni di Gara


 
  L’art. 77, comma 1, del D.Lgs. 50/2016 dispone che, nelle procedure da aggiudicare col criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, la valutazione delle offerte, dal punto di vista tecnico ed economico, sia affidata ad una commissione giudicatrice

L’art. 216, comma 12, precisa che, fino all’adozione della disciplina in materia di iscrizione all’Albo di cui all’art. 78, la commissione continua ad essere nominata dall’organo della stazione appaltante competente ad effettuare la scelta del soggetto affidatario del contratto, secondo regole di competenza e trasparenza preventivamente individuate da ciascuna stazione appaltante.
La Centrale Unica di Committenza ha quindi provveduto ad approvare, con Determinazione n. 5063 del 18.05.2017, il Regolamento di "Nomina dei Componenti delle Commissioni Giudicatrici nelle Procedure Bandite dalla CUC", con la definizione dei criteri generali di selezione dei componenti delle commissioni giudicatrici, che dovranno essere utilizzati:
  • nelle procedure di affidamento di contratti di appalto di importo superiore alla soglia di cui all’art. 35 del D.Lgs. 50/2016, fino all’istituzione dell’Albo dei componenti delle commissioni giudicatrici di cui all’art. 78 del citato decreto; 
  • nelle procedure di affidamento di contratti per i servizi e le forniture di importo inferiore alle soglie di cui all’art. 35 del D.Lgs. 50/2016 o per quelle che non presentano particolare complessità, ivi comprese le procedure svolte attraverso piattaforme telematiche di negoziazione ai sensi dell’art. 58 del citato D.Lgs. 50/2016 e quelle che prevedono l’attribuzione di un punteggio tabellare secondo criteri basati sul principio on/off sulla base di formule indicate nella documentazione di gara, nel caso si ritenga di avvalersi di tale facoltà.